Una visita alle città: Tesori d’Italia – Treviso

Una visita alle città: Tesori d’Italia – Treviso

I nostri utenti raccontano il luogo d’origine e in cui tornano quando hanno giorni liberi.

Visitare Treviso, la città di Laura

visitare trevisoTreviso è una storica città Medievale, che racchiude il suo centro storico all’interno di una splendida cinta muraria. È proprio da qui che parte il nostro giro: le mura, o almeno la porzione calpestabile che è sopravvissuta ai bombardamenti del ’44. Da porta Ss. Quaranta fino alla discesa in Largo Burchiellati si può passeggiare sotto enormi alberi che d’estate riparano dal sole eccessivo e in autunno ci regalano uno spettacolo di colori unico nel suo genere. Tutto intorno alle mura scorre una porzione del Sile e del Caccianiga, sulle cui sponde, sotto il verde dei salici piangenti, troviamo oche, anatre, folaghe, cigni, ma anche conigli e caprette.

Addentrandoci verso il centro possiamo passare da una piazzetta all’altra per poi arrivare al fulcro: da piazza Trentin, a piazza San Vito, arriviamo finalmente in Piazza dei Signori. Questo per me è il vero centro di tutta la città. Da qui si arriva facilmente nei posti migliori per fare uno spuntino al salto: dai Nanetti, appena dietro piazza indipendenza, per mangiare un panino con ingredienti tagliati al momento o dalla Gigia, in via Barberia, per assaggiare la mozza (mozzarella in carrozza) più buona che io abbia mai mangiato! Da qui si può partire anche a fare shopping.

Percorrendo i portici del Calmaggiore si pùò fare un po’ di shopping tra i negozi più in della città, ma se invece di guardare ad altezza d’uomo provate ad alzare lo sguardo vi si aprirà un mondo: un susseguirsi di affreschi, vecchie insegne storiche, finestrelle nascoste appena sotto gli archi (attenzione a non sbattere contro qualcuno stando con il naso all’insù!).

Da lí si può arrivare alle altre piazze importanti del centro: il Duomo e piazza Borsa.

Ma se invece torniamo a percorrere strade meno ampie, ad esempio potremmo percorrere vicolo Trevisi. Un viottolo stretto, incastrato tra gli edifici, che a metà percorso permette peròall’occhio e al cuore di allargarsi, mentre incrocia una delle tante arterie d’acqua della città. Da lí a Pescheria, un vero e proprio isolotto nel cuore del centro storico, il passo è brevissimo.

La macchina fotografica è d’obbligo, perché gli scorci meravigliosi si susseguono uno dietro l’altro: gli alberi, le anatre, i mulini, il ciottolato di alcune piazze, gli affreschi, i palazzi che si affacciano sulle grandi piazze e quelli che invece si nascondono tra i viottoli stretti. Tutto a Treviso mi fa stare bene e spero possa donare la stessa sensazione di tranquillità anche a chi viene a visitarla per la prima volta.

Una volta un amico di Roma ha definito Treviso come una “piccola bomboniera” e io non posso che essere d’accordo.


Allora cosa aspetti? Raggiungi Treviso!

 TrovaOffri un passaggio

Scopri di più

Idee di Viaggio

Proseguendo la navigazione sul nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra per effettuare analisi e produrre contenuti e annunci in linea con i tuoi interessi. Leggi la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies

Offri un passaggio