BlaBlaCar racconti di viaggio: storie d’estate

BlaBlaCar racconti di viaggio: storie d’estate

Il viaggio estivo si sa è il viaggio condiviso per eccellenza!

Ti piace BlaBlaCar? Credi che sia un’iniziativa interessante e utile? Ti è successo qualcosa di divertente viaggiando in ride-sharing? Raccontacelo! Per noi di BlaBlaCar la tua esperienza di viaggio è importante!

Racconta la tua storia


Il racconto di Davide: Pisa – Pescara

Dunque…ero di ritorno a Pescara, città in cui vivo, dopo aver trascorso parte delle mie vacanze a Pisa. Negli altri viaggi (ho percorso quasi 3200km quest’estate!!!) ero comunque in compagnia, mentre in questo caso avrei viaggiato da solo, così ho inserito l’annuncio su BlaBlaCar ed ho viaggiato in compagnia di due ragazze: una mi ha raccontato del proprio lavoro di “chef- vegana”, mentre l’altra ha dormito per quasi tutto il viaggio… E’ stato un viaggio tranquillo e piacevole, alla prossima!


Il racconto di Rocco: Roma – Firenze

Ho viaggiato innumerevoli volte dividendo il percorso con gente conosciuta solo tramite qualche messaggio preconfezionato: “Hai un posto libero?” “Dov’è il punto d’incontro?” “Posso portare con me uno zaino da campeggio?”
Difficile farsi un’idea di chi ti accompagnerà, ma spesso la realtà supera la fantasia.
La tratta Roma – Firenze è la mia preferita perchè mi ha presentato aspiranti attori che tornavano pieni di speranze da Cinecittà, giovani messicane durante il viaggio della vita in Europa, ragazzi reduci da una notte all’insegna del divertimento… e mentre i kilometri sembrano volare tra i racconti, Roma-Firenze diventa un viaggio tra i cinque continenti e mille esperienze.

Il racconto di Silvia: Roma – Trento

Decisi di partire per Trento in visita ad una mia carissima amica con BlaBlaCar e mi ritrovai in macchina con tre sconosciuti, tre giovani ragazzi militari. Il viaggio è durato circa 5 ore e mezza ed è stato una vera sorpresa. Questo d’altronde è il senso del carpooling: il non sapere chi incontrare e cosa aspettarsi!
Il viaggio è stato una vera evoluzione, dalla timidezza e riservatezza delle prime ore alla confidenza presa negli ultimi istanti di viaggio. Le conversazioni hanno toccato gli argomenti più disparati e ci sono state tante risate e battute, io mi sono sentita a mio agio e protetta nel viaggiare con tre ragazzi. Si è parlato della vita, del lavoro, delle loro missioni militari all’estero, delle mie esperienze e aspirazioni. Adoro BlaBlaCar, da quando l’ho trovato non lo lascio più! Consiglio a tutti di iniziare a viaggiare in modo cosi intelligente perchè ci si apre il cuore e la mente! Bon Voyage!

Il racconto di Francesco: Padova – Catania

A volte non vado in Sicilia per 2/3 anni, a volte ci vado 3/4 volte all’anno. In alcuni momenti il desiderio di vedere la mia regione è davvero molto forte: ho bisogno di vedere i suoi colori, il suo mare e sentire i suoi odori. Ma passiamo al viaggio. A Bologna prendo un ragazzo universitario di Catania e a Firenze una signora con la sua bimba di 4 anni. Devo dire che non mi entusiasmava molto questo viaggio. Io adoro i bambini, ma averne una a bordo e magari passare tutto il tempo a tapparmi le orecchie non era il massimo.
Invece, mi sono ricreduto.
La bimba era assolutamente educata e molto socievole, la sua mamma altrettanto discreta e poco esigente. Per metterli a loro agio ho detto che non avrebbero dovuto farsi problemi nel caso in cui avessero voluto fermarsi per una pausa, non era una corsa a tempo. In ogni caso il viaggio è passato stupendamente parlando di cibi, viaggi, luoghi dove andare e con un sottofondo musicale siamo arrivati a destinazione tutti e quattro con il sorriso. Adoro BlaBlaCar, la gente che ho conosciuto e che mi farà ancora conoscere.

Il racconto di Paola: Rimini – Milano

Forse è vero: il primo viaggio non si scorda mai….
Avevo conosciuto il mio compagno di BlaBlaCar da non più di 10 minuti e stavamo andando a prendere il terzo passeggero. Pantaloni corti, occhi azzurri-azzurri e una gabbietta in mano con dentro una bestiola, si è presentato così, dicendo: “Sono venuto a Rimini in giornata per recuperare dei soldi e un passaporto; torno a casa con una cinquina sulla faccia e un coniglio nano!” Da quel momento fino a Milano abbiamo riso e chiacchierato: mai tragitto fu più veloce.

Il racconto di Marco: Roma – Aosta

All’inizio non ci credevo. “Vedrai c’è la solita fregatura dietro”, mi dicevo. Invece era ed è tutto vero! All’andata ho dato un passaggio a due persone gentilissime e cordiali tra cui un ragazzo che veniva dalla lontanissima Malesia, studente di 21 anni di Chimica in Germania che visitava, coraggiosamente da solo, l’Italia.
Tappe?
Roma, le Cinque Terre e Venezia. A Pisa abbiamo fatto visita alla torre, fuori programma, foto e via! Al ritorno ho potuto accompagnare tre persone gentilissime. Mi hanno aiutato con i loro cellulari a raggiungere il primo distributore fuori dall’autostrada. Avevo a bordo due ragazze “navigatrici rally”! Meglio di così?!
Consiglio a tutti questo modo di viaggiare! Simpatia e pazienza negli ingorghi che non è mai mancata, nessuno si è spazientito nella giornata di rientro a Roma da bollino NERO! Un panino, un caffe insieme e un consiglio su cosa visitare a Roma. Una bellissima ed economica esperienza che consiglio a tutti. W chi ci ha pensato!

Il racconto di Enrico: Ravenna – Torino

Lavoravo a Torino da novembre 2012 ed ero davvero stanco di prendere il treno e viaggiare da solo, quando un amico mi parlo’ di BlaBlaCar. Una mattina, in un momento di pausa, scaricai l’App e provai a cercare un passaggio. Beh, ho trovato un amico!
In seguito, ho continuato a viaggiare in BlaBlaCar e ancora adesso lo utilizzo regolarmente. Ho conosciuto un sacco di gente ed è davvero divertente viaggiare nella maggior parte dei casi con studenti universitari o laureati pendolari. Ricordo che qualche mese fa sono rimasto imbottigliato in una discussione tra un ingegnere elettronico ed un fisico: avevano iniziato a parlare di QUANTI! Concludendo posso solo dire: BlaBlaCar, grazie di esistere!!

Il racconto di Nicola: Verona – Roma

Prima volta per me e la mia compagna su BlaBlaCar. Siamo sempre stati un po’ diffidenti ma alla fine ci convinciamo e mettiamo il nostro annuncio. Viaggio organizzato all’ultimo minuto per fare qualche giorno di ferie. Tratta Verona-Roma in compagnia di due ragazze. Eravamo quattro tipi abbastanza socievoli: abbiamo spaziato su più argomenti e ci siamo fatti molte risate. Abbiamo trovato un po’ di traffico, quindi di tempo ne abbiamo avuto, e l’esperienza ci è piaciuta moltissimo. Si conosce tanta gente, si socializza, si risparmiano soldi e soprattutto si scampa dai molteplici problemi del trasporto pubblico!
Fantastico BlaBlaCar, grazie!

 Il racconto di Valentina: Parma – Peschiera del Garda

Partenza la mattina presto per tornare a casa mia a Verona. Ho trovato due ragazzi diretti a Peschiera del Garda perchè avevano organizzato una giornata a Gardaland. Io, che stavo tornando a Verona per vedere il mio fidanzato, dopo neanche due ore (il tempo di passare a prenderlo) mi sono ritrovata a Gardaland per passare una giornata in allegria tutti insieme. Un viaggio che mi ha fatto conoscere due persone stupende e trascorrere una bellissima giornata :)

 Il racconto di Paolo: Francoforte – Genova

Ci tengo a raccontare il mio primo BLABLAVIAGGIO. Avevo provato gia’ altre volte ad offrire passaggi senza, però, trovare nessuno. La vita mi ha portato a fare delle scelte, e tra queste, quella di trasferirmi in Germania nella speranza di ricominciare una nuova vita, dati i problemi che ci sono in Italia.
Una volta trasferito, scopro che la mia auto non è euro 4 diesel, e qui in Assia, le auto non euro 4 diesel non possono circolare. Cosi’ decido di venderla e scelgo di tornare a Genova per farlo.
Nel frattempo offro il mio passaggio e mi risponde un ragazzo tedesco che voleva andare a Genova per fare una sorpresa alla fidanzata che studia lì. Abbiamo fatto il nostro viaggio, mi ha insegnato tante belle cose e mi ha fatto scoprire un lato davvero umano dei tedeschi che, purtroppo, non conoscevo. Alla fine del viaggio mi sentivo arricchito: avevo trovato un amico ed avevo imparato ad apprezzare BlaBlaCar. Ogni volta che dovro’ spostarmi, lo faro’ utilizzando il servizio sia come conducente che come passeggero!
Il viaggio di ritorno in Germania è un’altra storia… e ce ne sono tante altre, ricordi indelebili nella mia memoria, ancora grazie, con tanto rispetto ed ammirazione per l’idea.

Il racconto di Silvana: Bari – Bolzano

Sono partita da Bari diretta a Bolzano per una visita medica. Ho viaggiato con tre persone: due di loro tornavano a casa dopo essere stati in vacanza in Puglia, mentre io e l’altro ragazzo andavamo nel lontano nord per problemi personali. E’ stata la prima esperienza con BlaBlaCar. Sono una grande sostenitrice “della condivisione” e ‘ posso dire che il viaggio è stato bellissimo, non mi sono annoiata neanche per un attimo, non ho riposato per nulla… nove ore in piacevole compagnia con persone serie, gentili e puntuali.

 Il racconto di Giovanni: Catania – Vicenza

Terminate le mie ferie estive in Sicilia, mia regione d’origine, dovevo rientrare a Vicenza città in cui vivo e lavoro attualmente. Come mia abitudine da quasi 2 anni ho pubblicato il mio passaggio e ho trovato due persone con cui condividere la strada. Un passeggero ha viaggiato con me dalla Sicilia e l’altro passeggero si è invece fatto trovare in Calabria. Dei due mi ha colpito il primo, un ragazzo di 33 anni che si trovava in Sicilia per un festival musicale e doveva rientrare a Bologna, sua città natale.
Dopo pochi chilometri di generale timidezza  – che definirei naturali come in tutti i viaggi con BlaBlaCar – ci siamo conosciuti meglio e ho avuto modo di conoscere un ragazzo dallo spirito libero che si era dedicato negli ultimi anni alla scoperta dello yoga, dell’ alimentazione vegana, delle tradizioni antiche e della madre Terra con viaggi avventurosi nelle Americhe, Asia, Oceania.
Lui ha raccontato dei suoi viaggi ed io dei mei in Australia, rendendo piacevoli i 1200 km che ci separavano da Bologna, il tutto accompagnato da qualche snack che avevo portato con me e del buon thè fresco che nei lunghi viaggi non manca mai. Viaggiare con persone che non conosci ti apre la mente e, come ad esempio nel mio caso, ti fa dimezzare i costi del viaggio!
Il mio motto è: BlaBlaCar non è un modo di viaggiare ma uno Stile di viaggio!
Al prossimo passaggio!

Il racconto di Matteo: Pesaro – Genova

Pronti, ai posti… via! Ore 13.30, metti quattro (fino a quel momento) sconosciuti, più una quinta persona in spasmodica attesa a Bologna, ed è subito BlaBlaCar action!
Due napoletani che studiano a Rimini e vanno a Genova per una settimana di mare. Il mare quello vero… quello che sa di sale… quello dei pescatori col lanternino nella notte…
Il terzo passeggero è un autentico personaggio, 39 anni e 2 mt di altezza, pronto ad abbandonare l’Italia per sempre in direzione Thailandia e Birmania, dove ha già iniziato a costruire un villaggio turistico, con la speranza che BlaBlaCar arrivi fino là!
Palloncini e caramelle BlaBlaCar di benvenuto..let’s go!
Tanto per cominciare prendo in giro i napoletani perchè in auto mangiano una pizza presa al volo da un’improbabile pizzeria di Pesaro… un po’ come se io, genovese stra-doc, mangiassi la pasta al pesto col basilico di Catania! Mentre un passeggero con la sua voce a 140 Db racconta le sue svariate esperienze lavorative e perché ha deciso che l’Italia è stretta per lui, gli altri due invece parlano della loro associazione che ha lo scopo di promuovere il turismo in Italia… gli opposti che si attraggono!
A Bologna sale Giulia, 24 anni di simpatia e un sorriso grande come una casa, si inserisce  benissimo tra i quattro ragazzi già ormai affiatati!
Io contribuisco raccontando pillole relative alle centinaia di BlaBlaViaggi fatti e alle quasi mille persone incontrate, e alla fine convinco pure i partenopeissimi Livio e Luca a provare la migliore pizza di Genova!
Il tempo passa chiacchierando anche delle cose da vedere a Genova e di quante cose buone da mangiare ci sono.
Parma, La Spezia, Sestri Levante…
Genova è ormai vicina e la fine del viaggio anche. Dovrei uscire a Genova Ovest ma, per regalare 10 secondi spettacolari della città, esco a Genova Nervi, dove dallo svincolo si può vedere dall’alto Genova, la Superba… in tutta la sua bellezza.
…Vedrai una città regale, addossata ad una collina alpestre, superba per uomini e per mura, il cui solo aspetto la indica signora del mare…” 
- Francesco Petrarca, 1358, Itinerarium breve de Ianua ad Ierusalem

Il viaggio termina in Piazza della Vittoria, ed il saluto migliore è una bella foto tutti assieme!
Difficilmente sarà un arrivederci (never say never, ho incontrato spesso ragazzi con i quali avevo già viaggiato! bellissimo!) ma il viaggio resterà sempre un gran ricordo per noi tutti, col profumo del mare a dare a loro il benvenuto e a me il bentornato, in attesa del prossimo viaggio!

Il racconto di Filippo: Milano – Celle Ligure

Venerdì sera scorso ci siamo trovati in quattro, tutti liguri trapiantati a Milano e tutti in partenza verso la Liguria. Ma la vera novità riguardava due passeggeri che, appena si sono visti all’appuntamento, hanno esclamato all’unisono “Non ci credo!”. Erano compagni di scuola al liceo e si sono rincontrati sulla mia macchina, dopo sei anni. Nessuno dei due sapeva che l’altro abitasse a Milano.
I casi della vita.

Il racconto di Fabrizio: Bologna – Enna

Per un ragazzo siciliano trasferito al Nord per studio, non è mai facile allontanarsi dalla sua terra, soprattutto nel periodo estivo dove l’isola, con il suo mare, le giornate soleggiate e i suoi tramonti si trasforma in un paradiso. Ebbene, BlaBlaCar ha permesso di azzerare questa distanza.
Bologna – Enna, 14 ore di viaggio no stop, 5 persone sconosciute tra di loro, che intraprendono un lungo viaggio assieme, ognuno per motivazioni diverse, ognuno con la sua storia. Chi per amore, chi per la famiglia, chi per ricevere notizie che al telefono non avrebbero reso nello stesso modo.
Io e la mia ragazza siamo partiti per passare dei giorni in Sicilia: inizialmente per i prezzi degli aerei troppo alti stavo cambiando idea, la cosa che mi ha convinto è stato il presentimento che non andare avrebbe significato perdere qualcosa. La mia speranza era BlaBlaCar, anche se non avevo mai fatto un viaggio cosi lungo con persone mai incontrate prima.
Questo però mi spronava ancora di più a provare un’esperienza del genere e condividere questo viaggio era un’avventura che avevo voglia di vivere. Sul sito ho trovato l’offerta di un ragazzo diretto nella nostra stessa direzione, una persona squisita che ha accettato subito di accoglierci in macchina con lui. Sono state 14 ore intense, di condivisione, dove ci siamo raccontati e confrontati su mille argomenti (il tempo non mancava). Cinema, libri, viaggi, storie di vita, e per ridere abbiamo pure raccontato a turno le storie più imbarazzanti che ci sono capitate e barzellette.
Il conducente? Un grande!
E’ stato davvero impeccabile alla guida, durante il viaggio si fermava su richiesta e durante la pausa ci offriva caffè, acqua e biscotti.
La mia ragazza di Napoli, per salutare i genitori che non vedeva da molto, è riuscita anche a far coincidere una sosta in autogrill per salutarli (Napoli è di passaggio per scendere in Sicilia), e loro ci hanno portato una montagna di cibo per la cena, che abbiamo fatto tutti insieme in alla stazione di servizio. Incredibile, tutta roba buona e fresca. Grande accoglienza.
Dopo siamo ripartiti e il viaggio è filato liscio fino all’arrivo, dove ci siamo fatti una foto ricordo e scambiato i numeri di telefono.
Io ero il ragazzo che era partito col presentimento di ricevere una notizia importante, e cosi è stato: ad Ottobre sarò per la prima volta zio! Apprendere questa notizia in prima persona, senza nessuno strumento a far da intermediario, è stata una grande emozione.
Ci sono momenti in cui essere presente è importante, momenti in cui vivere l’emozione conta molto più della distanza: GRAZIE BlaBlaCar che hai reso tutto questo possibile!

Il racconto di Silvia: Parma – Milano

Tante volte ho percorso, e ancora percorro, questo tratto di strada. Mi capita spesso perchè il mio ragazzo vive vicino Milano. In tutti questi viaggi, mi è capitato di conoscere tanta gente diversa: innamorata, stakanovista, educata, silenziosa, chiacchierona, appassionata e a volte anche un po’ strana… proprio come me!
Ricordo che una delle prime volte da passeggera (nonostante sia una ragazza ho scelto di viaggiare con i maschi da subito!) ho incontrato un ingegnere della provincia di Milano che lavora in Ferrari, persona silenziosa e di buon orecchio, a differenza mia che, come sempre, non ho taciuto un attimo! E ricordo la volta che sono salita con ragazzo sardo trapiantato a Milano ma lavorante a Reggio Emilia o quella in cui ho conosciuto il tatuatore con la macchina da Batman. Ho incontrato chi per amore si è trasferito in Svezia dopo una follia e ho incrociato sulla mia strada una persona fantastica e di buon cuore, con cui ho coltivato un’amicizia che mi porto dietro ancora oggi…
Dovendo scegliere qualcuno, non ce l’ho fatta! Per me è stato necessario nominarli tutti perchè in ogni viaggio, ognuno di loro è stato un’esperienza fantastica!

Scopri di più

Ritratti

Proseguendo la navigazione sul nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra per effettuare analisi e produrre contenuti e annunci in linea con i tuoi interessi. Leggi la nostrainformativa sull'utilizzo dei cookies

Offri un passaggio