BlaBlaCar Coast-to-Coast #2: Barcellona-Parigi

BlaBlaCar Coast-to-Coast #2: Barcellona-Parigi

Scopri la seconda tappa del BlaBlaCar Coast-to-Coast: Barcellona-Parigi.

Il BlaBlaCar Coast-to-Coast è il viaggio dello psicologo e videomaker Carlo Alberto Cavallo che ha scelto di andare da Lisbona a Vladivostock cercando esclusivamente passaggi condivisi in auto sulla nostra piattaforma.

Per ogni tappa, racconteremo attraverso dei brevi video il viaggio di Carlo Alberto Cavallo e dei suoi compagni di viaggio e condivideremo con voi il diario di viaggio e dei consigli sulle città visitate.

Il diario di viaggio: Barcellona-Parigi

A volte mi dimentico l’età che ho. Quasi sempre, a dirla tutta (che mi conviene!).

Ma a Barcellona faceva caldo, ed io sudavo. “Non sudavi da ragazzino!”, mi sono detto. Ecco! Mi son freg..to da solo!

Così, la sera, dovendo scegliere un guidatore che mi portasse in Francia, ho scelto Bernard, con qualche anno persino di più! Alla faccia di chi dice che BlaBlaCar è roba per giovincelli!

La prima domanda di Bernard? “Quanti anni hai?”. La mia risposta (infastidito dal sudore del giorno prima): “Meno di te!”.

Ahahah! E’ bastato questo per sciogliere subito l’atmosfera, ed intavolare, strada facendo, una bella chiacchiera sui pro e contro della nostra età. E scoprire che i nostri mondi non sono affatto lontani, lui ex-fotografo, di quelli con pellicola etc, ora scultore. In sostanza la vita che cambia e noi che ci si adatta.

A Cannes invece Lyas guidava, e dietro due passeggere ogni tanto chiacchieravano. Quanto ogni tanto? Esattamente un’ora, io e Lyas controllavamo. Il viaggio per Parigi è lungo, e alla terza chiacchiera io e Lyas ci siamo guardati e io ho detto alle due: “Bene, un’altra ora è passata!”.

Con BlaBlaCar ci si può permettere non solo di condividere il viaggio, ma puoi essere anche Bla.

cavallo

I consigli di Carlo Alberto Cavallo

Dormire a Parigi

coast to coast cavallo a parigi

Parigi val bene una Messa.
Sì, ma quanto mi costa questa Messa???
Tutti vogliamo andare a Parigi, ma il costo, soprattutto del dormire, è davvero caro.
Dunque rinunciare? No, non è detto.
C’è una catena, il cui nome non dirò.
(per chi volesse scoprirlo, ha il nome di quell’evento, sportivo, che noi maschi guardiamo sul divano, la Domenica da primavera a autunno, subito dopo pranzo, quando loro si lamentano che dovremmo, nell’ordine: lavare i piatti-uscire-sistemare lo sportello cigolante-o anche solo star meno stravaccati a veder quattro colorate macchinette che si inseguono)
Beh, in quella catena di alberghi, le stanze costano: 49euro se vi presentate senza prenotazione, 35euro se prenotate via internet.
Stanze? Sì, stanze, con TV e lavandino… ma senza bagno però, che quello è in comune.
Beh, allora non se ne parla!
Neanche questo è vero, perchè i bagni e le docce sono puliti, un po’ in stile giapponese, con tutto automatizzato-igienizzante, …e deodorante!
Vale la pena? Beh, Parigi val sempre una Messa!


Ti è piaciuta la seconda tappa del BlaBlaCar Coast-to-Coast?
Guarda la successiva!

Scopri di più

Road to

Proseguendo la navigazione sul nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra per effettuare analisi e produrre contenuti e annunci in linea con i tuoi interessi. Leggi la nostra informativa sull'utilizzo dei cookies

Offri un passaggio