BlaBlaCar Coast-to-Coast #9: Omsk-Irkutsk

BlaBlaCar Coast-to-Coast #9: Omsk-Irkutsk

Scopri la nona tappa del BlaBlaCar Coast-to-Coast: Omsk-Irkutsk.

Il BlaBlaCar Coast-to-Coast è il viaggio dello psicologo e videomaker Carlo Alberto Cavallo che ha scelto di andare da Lisbona a Vladivostock cercando esclusivamente passaggi condivisi in auto sulla nostra piattaforma.

Per ogni tappa, racconteremo attraverso dei brevi video il viaggio di Carlo Alberto Cavallo e dei suoi compagni di viaggio e condivideremo con voi il diario di viaggio e dei consigli sulle città visitate.

Il diario di viaggio: Omsk-Irkutsk


Non c’è che una strada che attraversi la Siberia.
Lunghissima strada, percorsa soprattutto da camion che vanno su e giù, fino in Mongolia e Cina, e da qualche auto, spesso di fabbricazione coreana o giapponese, dunque con la guida a destra.
Il che comporta difficoltà nel superare i mille camion di cui sopra.
Ci si annoia?
Affatto! Al di là del paesaggio che a tratti (ma solo a tratti) cambia, sono le storie dei conducenti che tengono ben vivo l’interesse.
Certo, devo andare di immaginazione, perché parlano solo russo. Ma, ad esempio, capisco che due ragazzi poco più che ventenni hanno aperto un narghilé-bar a Tomsk, chiamandolo, secondo me con molta intelligenza, “Smoking bad”, mini trasformazione della famosa serie TV. Ed ora ne stanno aprendo altri in franchising per tutta la Siberia.
Ragazzi, imprenditori, svegli, creativi. Collegati con il mondo.
Altro che Siberia terra di moscerini e ghiaccio.

19 Omsk Novosibirsk selfie gruppo

I consigli di Carlo Alberto Cavallo

Fare shopping in Siberia


20 TIPS Novosibirsk 2
A proposito di sorprese, due in particolare in Siberia.
La prima è che al ristorante dell’Hilton di Krasnoyarsk si spende meno che in un Kafè. Perchè? Perché offrono un buffet per 4 dollari, convinti che tanto chi frequenta l’Hilton non si abbuffi, ma prenda solo un piatto e al massimo un dolce.
Beh, con me han fatto male i calcoli! Mi sono ben rimpinzato raddoppiando ogni porzione!
La seconda è che in ogni grande città c’è almeno un enorme centro commerciale, aperto fino a mezzanotte, con marchi da tutto il mondo e offerte in saldo annesse.
I prezzi? Beh, i marchi “veri” costano circa il 30% in meno che in Italia, quelli “finti veri” costano il 60% in meno.
Andare a far shopping in Siberia? Beh, non è il caso! Però, di nuovo, tutto ciò cozza con l’idea di Siberia che normalmente abbiamo.
Altro che terra desolata!


Ti è piaciuta la nona tappa del BlaBlaCar Coast-to-Coast?

Guarda la successiva

Scopri di più

Road to

Proseguendo la navigazione sul nostro sito, accetti l'utilizzo dei cookies da parte nostra per effettuare analisi e produrre contenuti e annunci in linea con i tuoi interessi. Leggi la nostrainformativa sull'utilizzo dei cookies

Offri un passaggio